visual merchandiser

Allestimento interno


Il visual merchandiser dello spazio di vendita e' uno strumento finalizzato a guidare i clienti all' interno del negozio secondo un' ordine logico, facendo in modo che si fermino in punti designati, possibilmente per fare acquisti. Simona visual merchandiser ha fatto allestimenti interni di negozi a Firenze. Se alle persone viene chiesto il motivo per cui preferiscono un determinato negozio, molte risponderanno che ha un' organizzazione dello spazio in cui ci si orienta facilmente, il prodotto e' facile da trovare e la segnaletica e' chiara e utile. Queste risposte dimostrano l' importanza di un visual merchandiser efficiente.

  • visual merchandiser

    L' apporto del visual merchandiser all' organizzazione del punto vendita varia in base al tipo di negozio in cui ci si trova a lavorare. Il visual merchandiser puo' svolgere lavori con l' ufficio acquisti per organizzare glispazi secondo i nuovi prodotti e le tendenze di stagione. Il segreto per un visual merchandiser di successo e' l' organizzazione razionale dllo spazio vendita. Prima di iniziare ad organizzare lo spazio si devono stabilire le affinita' merceologiche. Si devono poi scegliere le attrezzature e gli impianti, e tenere presente alcune regole base sul modo di disporre la merce in maniera efficace. Le aree dedicate alle promozioni, i display, i corner e gliespositori favoriranno la funzionalita' commerciale del negozio. La segnaletica e la grafica sono utili, cosi' come la creazione di un' atmosfera adatta. Infine, bisogna fare attenzione agli standard di manutenzione .

  • vetrinista

    Il punto di partenza sono le affinita' merceologiche: quale prodotto va posizionato vicino a quale altro? la calzetteria vicino all' intimo, i bollitori vicino al tostapane e la frutta vicino alla verdura. Per ottimizzare lo spazio e l' utilizzo della superficie di vendita, il cliente dovrebbe esser guidato da un prodotto all' altro attraverso complementi d' arredo e percorsi. Se si dispongono i prodotti affini l'uno vicino all' altro, i clienti saranno indirizzati verso altri acquisti che provabilmente non avevano in programma. Un uso intelligente delle affinita' merceologiche rafforzera' l' aspetto e l' autorita' del luogo. Una struttura che espone delle borse posizionata vicino a sciarpe, guanti, cappelli e portamonete diventa immediatamente un reparto accessori. Una volta annotate le affinita' merceologiche, si passa alla pianificazione dettagliata dell' organizzazione dello spazio.Pianificato il layout del punto vendita, si passa alla scelta delle attrezzature che conteranno e presenteranno la merce. L' uso dell' attrezzatura corretta e' fondamentale per le vendite e la scelta di quelle giuste all' inizio puo' sembrare un incubo.

  • visual merchandiser freelance

    Non e' affatto semplice scegliere una struttura che contenga la giusta quantita' di merce mostrandola al meglio. Ci sono due tipi fondamentali di attrezzature: da pavimento e lineari. Tutte possono avere forme diverse ed essere usate insieme. Una parete ben attrezzata non solo puo' favorire le vendite, ma puo' anche essere usata come sfondo per la zona in cui si trova un prodotto specifico. Ci sono molti modi di allestire le attrezzature centrali da pavimento e quelle a parete; e alcuni si addicono maggiormente alle une o alle altre. Avere nozione di questi principi base utile per chi e' alle prime armi. Moltiretail incrementano le vendite mediante gli espositori interni e le vendite aggiuntive. Entrambi puntano a clienti che hanno gia' fatto acquisti per incoraggiarli a farne altri.